La prima avventura della Compagnia OBLIO

Creare una compagnia di teatro da zero è stato un progetto ambizioso. Prima di iniziare tutto avevo immaginato che avrebbe comportato tantissimo impegno, e devo confessarvi che non è stato affatto facile riuscire nell’impresa.
Tutto ha avuto inizio dopo che, in una bella giornata di maggio di due anni fa, mi misi a scrivere una prima bozza di quello che ora è diventato il nostro copione. Le prime scene sono nate per gioco, ma andando avanti mi sono accorto che da quelle battute messe insieme un po’ per divertimento, un po’ per noia, sarebbe potuto nascere qualcosa di convincente. Sono andato avanti a scrivere giorno e notte, tutto è venuto fuori con molta scioltezza. “Consulta tutti i musical che conosci, prendi ispirazione da tutto quello che ti circonda, ascolta ogni genere di canzone utilizzabile, cerca di mettere il tutto in un insieme armonioso.” Ed ecco che è nato il primo progetto teatrale: Just Smash.
JSWall Continua a leggere

Teoria Gender – la conferenza nella mia città

Quando ho visto il volantino online di questa nuova conferenza sulla teoria gender quasi non ho creduto ai miei occhi leggendo l’ubicazione. Mi sono armato di santa pazienza e, al posto di stare a casa a guardare Pechino Express, sono andato a sentire. Ho voluto partecipare più che altro per chiarirmi le idee, perché io di questo discorso che spopola sul web, e non solo, non avevo tutti i punti chiari. Con il senno di poi forse avrei potuto rimanere nella mia ignoranza a vedere l’eliminazione di Scialpi nel mio letto.Immagine-Umberto_boccioni_la_città_che_sale

Continua a leggere

Stay On – Intervista

Oggi ho avuto il piacere di passare a trovare una mia cara amica. Insieme a suo fratello hanno deciso di intraprendere una strada in salita che spero con tutto il cuore che li porti in cima ai loro obiettivi. Loro sono Chiara e Angelo e la scorsa settimana hanno inaugurato il loro primo negozio di vestiti a Rivoli.DSC_0458 Continua a leggere

Castello di Rivoli

Prima di tutto devo ammettere le mie colpe. Non è bastato poter vedere il museo dalla finestra di camera mia, andare nel piazzale davanti al castello per la magnifica vista tutti i giorni di bel tempo estivo, oppure tutti i numerosi cartelloni pubblicitari sparsi per Torino. In tutti questi anni non ero mai andato a visitare quella che è la medaglia al valore della mia amata città: uno dei più rinomati musei di arte contemporanea a livello europeo.Foto 12-05-15 12 01 47 Continua a leggere