Considerazioni sul tempo

Mi accorgo solo adesso di quanto il tempo stia volando in questi ultimi mesi. Mi sembra soltanto ieri che sono andato ad iscrivermi all’università, che ho scelto il mio percorso di studi, che ho dato la maturità, che sono andato a Parigi e Berlino, che ho conosciuto persone speciali che sono entrate nella mia vita di tutti i giorni, che ho scritto la mia prima pagina di diario.

photo (5)

Foto che ho scattato al Musée d’Orsay a Parigi.

Mia madre mi ha sempre ripetuto “Passati i diciotto anni il tempo ti sfugge dalle mani, e neanche te ne accorgi”. Non posso che darle ragione. Ormai vado per i venti, anche se ripensando alla mia festa per il diciottesimo pare che sia stata ieri sera.
Forse è per questo che ogni volta che torno a casa dall’università, al buio invernale delle sette di sera, solo per le vie con l’unica compagnia delle macchine che rientrano nei garage al mio fianco, non mi sento pienamente soddisfatto da tutto quello che mi circonda.

Mi dicono che prendo troppo sul serio questo fatto; che mi aspetto troppo dalla vita. Ma infondo non è giusto avere delle aspettative di una vita migliore? Non è questo che ti fa raggiungere gli obiettivi che ti sei posto? Senza uno stimolo a continuare, come posso pretendere di continuare anche solo a studiare per l’università?
Io lo trovo giusto.
Il tempo per me scorre troppo in fretta. Vorrei che qualcuno mi regalasse delle ore in più nella giornata per natale. Avrei più tempo per fare tutto quello che vorrei: andare in palestra, studiare un po’ di più, stare dietro al ragazzo a cui faccio il filo, trovare un lavoro per dare un aiuto in famiglia.
Purtroppo il tempo è quello che abbiamo e dobbiamo farcelo bastare, che ci piaccia o no. Ma se per natale volete comunque farmi un regalo potete sempre andare da Zara o fare una colletta pre comprarmi un iPhone.🙂
Per confermare la mia teoria del tempo troppo breve posso dirvi che stavo per scendere alla fermata sbagliata essendo preso a scrivere sul blog e non accorgendomi dei minuti che erano passati.
Così vi saluto, rassicurandovi che sono arrivato a destinazione e dicendovi che ieri ho sostenuto il mio primo esame universitario di antropologia, e non mi è sembrato poi così complicato. Forse perchè la materia era una delle più facili che avremo durante il percorso di studi. Facile semplicemente perchè risulta più interessante di molti altri argomenti.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...