La prima audizione

Si sta per concludere una giornata decisamente diversa dal solito lunedì fatto da casa/università. Era un po’ di tempo che mi balzava in mente questa idea e finalmente sono riuscito a realizzarla. In fondo tutti questi anni di musical insieme alla mia compagnia “amatoriale” sono stati un’esperienza magnifica e se prima o poi riuscirò a far si che la magia del palcoscenico sarà la mia professione penso che diventerò più che felice.20140505-175848.jpg

Sveglia decisamente presto, subito metro, treno, ancora metro e poi dritto in teatro dove si sono tenute le prima audizioni della mia vita. Prime e non ultime si spera. Io, solitamente tranquillo in situazioni di stress, ho decisamente sentito il peso dell’agitazione una volta attraversata la porta d’entrata del palcoscenico. Intorno a me solamente ballerini intenti a scaldarsi, cambiarsi e prendere posizione per le prove. Tutti palesemente più grandi di me e già schierati in gruppi di amici che mi chiedo io come facessero ad esserci; non parlo di amicizie fatte sul momento ma persone che evidentemente avevano già calcato palcoscenici insieme, magari solamente per audizioni, ma pur sempre in compagnia. Purtroppo ero troppo concentrato e allo stesso tempo agitato per poter intraprendere una conversazione con qualche sconosciuto oltre a qualche chiarimento sulla coreografia.
Quest’ultima devo ammettere che non era di una difficoltà inaudita, ma certamente necessitava di una preparazione di fondo, che penso di essere riuscito a dimostrare, ma soprattutto di un’interpretazione capace di attirare l’attenzione del produttore artistico.
Un’ottantina di ragazzi pronti a sfidarsi, non ce l’avrei fatta nel migliore dei casi. Quindi se vi state chiedendo se farò parte del cast purtroppo devo deludere le vostre (e anche le mie) aspettative (anche se le mie erano più che altro speranze).

Devo dire che è comunque stata un’esperienza davvero bella. Poter finalmente vedere con i miei occhi ciò che un artista è sottoposto tutti i giorni e mettermi finalmente in gioco in quello che amo più fare.
Ovviamente non sono demoralizzato, come potrei esserlo e arrendermi dopo il primo tentativo?
Aspetterò con ansia la prossima audizione, cercando sempre di dare il meglio di me e provando così a dare una svolta alla mia vita.
Per ora andrò tutti i giorni in palestra (non potete immaginare che fisici scolpiti avessero il 90% dei ragazzi) e aspettando che lo spettacolo dell’audizione faccia una tappa a Torino per andare a vedere i bravissimi ragazzi che sono stati presi.
Penso di essermi anche innamorato di un paio di loro dietro le quinte ma di cui ovviamente non ricordo i nomi.20140505-175855.jpg

Dopo l’audizione io e Francesca, che mi ha accompagnato con tanta pazienza in questa avventura, ci siamo fatti un giro per i negozi milanesi. Oltre ad aver incontrato casualmente due ragazzi che seguo sui social (tra cui uno che sposerei all’istante e che mi ha subito riconosciuto) abbiamo camminato tutto il giorno per le vie e mangiato dei buonissimi macarons per merenda.

Love u, D.

Un pensiero su “La prima audizione

  1. Complimenti per l’audizione, anche se vabbè non è andata a segno. Sarà per la prossima🙂
    Anche a me piacerebbe lavorare in un musical, ma credo di avere la stessa classe di un elefante eheh
    Ma capisco quando l’arte chiama…🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...