Castello di Rivoli

Prima di tutto devo ammettere le mie colpe. Non è bastato poter vedere il museo dalla finestra di camera mia, andare nel piazzale davanti al castello per la magnifica vista tutti i giorni di bel tempo estivo, oppure tutti i numerosi cartelloni pubblicitari sparsi per Torino. In tutti questi anni non ero mai andato a visitare quella che è la medaglia al valore della mia amata città: uno dei più rinomati musei di arte contemporanea a livello europeo.Foto 12-05-15 12 01 47

Diamo colpa alla mia ignoranza in materia. Come per la maggior parte delle persone, fino a qualche mese fa l’arte contemporanea la vedevo per assurdo più lontana di qualsiasi altra arte figurativa del passato. Grazie al prezioso corso universitario di Storia dell’arte però sono riuscito ad avvicinarmi a questo mondo che prima mi spaventava.
La professoressa ci ha accompagnati all’interno del museo trasmettendoci le sue conoscenze e la sua passione per la materia. In fondo si tratta solo di fare il primo passo, il coinvolgimento per le tipologie di arte più vicine a noi viene di conseguenza, una volta che ti avvicini e riesci non solo ad apprezzare la bellezza fisica di un lavoro, ma anche il significato che l’artista vuole comunicare con esso.Foto 12-05-15 12 40 16 Foto 12-05-15 11 26 41 Foto 12-05-15 12 44 22 Foto 12-05-15 11 47 39 Foto 12-05-15 11 43 05 Foto 12-05-15 10 56 03 Foto 12-05-15 12 41 14 Foto 12-05-15 12 52 12

Le preziose opere conservate al museo di Rivoli sono disposte dentro le stanze barocche del castello; queste stanze a volte sono perfettamente conservate nella loro forma originaria, in altri casi allestite appositamente per le opere o addirittura trasformate in opere stesse come nel caso dell’opera ambientale di Nicola De Maria. Il perfetto connubio tra antico ed estremamente contemporaneo è uno dei punti forti della mostra che riesce perfettamente a far comunicare il mondo del passato con quello del presente.
La mostra temporanea è invece ospitata nella manica lunga del castello: un lungo corridoio in cui i lavori sono disposti uno in successione all’altro. Tra cui anche la celebre “Venere degli stracci” di Pistoletto.Foto 12-05-15 13 12 02 Foto 12-05-15 13 13 53 Foto 12-05-15 13 26 06 Foto 12-05-15 13 33 09Un modo diverso di fare lezione, ma decisamente necessario per riuscire a comprendere ed apprezzare alcune opere che non potrebbero essere comprese semplicemente attraverso un manuale di studio.
Sicuramente da oggi sarò più propenso a visitare i musei di arte contemporanea che solitamente durante i miei viaggi non ho mai avuto il piacere di visitare. Vorrà dire che dovrò ritornare in tutte le città in cui sono stato per colmare questa lacuna.

(Le fotografie sono state scattate con il mio cellulare quindi non sono di qualità elevata)

Un pensiero su “Castello di Rivoli

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...